Passi di montagna/paesaggio montano

INNOVAZIONI ALL’INSEGNA DELLA RESPONSABILITÀ.

LE MISURE DI BMW PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE.

INNOVAZIONI ALL’INSEGNA DELLA RESPONSABILITÀ.LE MISURE DI BMW PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE.

Il cambiamento climatico mette l’industria automobilistica davanti a nuove sfide. Allo stesso tempo la domanda globale di mobilità è inarrestabile. È per questo che per BMW la sostenibilità e la responsabilità hanno la priorità assoluta. Ad esempio, vista la maggiore attenzione verso l’elettromobilità, dal 1995 è stato possibile ridurre del 42% le emissioni di CO2 della flotta di veicoli del BMW Group. Con mezzo milione di veicoli, BMW ha consegnato un numero di modelli elettrificati che non ha eguali in nessun’altra casa automobilistica. Nella produzione, grazie a misure quali fonti di energia rinnovabili, dal 2006 le emissioni di CO2 sono state ridotte di quasi il 62%. Tutto ciò per far sì che anche le generazioni future possano godersi, in tutta coscienza, il piacere di guidare.

Per saperne di più
«LA SOSTENIBILITÀ È DECISIVA PER IL FUTURO DELLA NOSTRA SOCIETÀ. PER QUESTO DOBBIAMO IMBOCCARE LA STRADA GIUSTA SOPRATTUTTO IN PERIODI DIFFICILI – E, ADDIRITTURA, ACCELEREREMO DI NUOVO IL PASSO.»
Oliver Zipse, presidente del consiglio di amministrazione di BMW AG

ANCORA PIÙ PIETRE MILIARI PER BMW IN FATTO DI SOSTENIBILITÀ.

  • 1973 il primo incaricato dell’ambiente al mondo nell’industria automobilistica inizia a lavorare per il BMW Group.
  • 2007 con BMW EfficientDynamics, BMW è la prima casa automobilistica a introdurre un pacchetto di tecnologie per vetture che riducono le emissioni di CO2.
  • 2013 con la BMW i3 elettrica, BMW lancia il primo concetto di veicolo completamente sostenibile.
  • 2014 in veste di primo grande produttore, con la BMW i8, BMW lancia sul mercato una vettura sportiva ibrida plug-in.
  • 2019 BMW vanta la più vasta offerta di modelli ibridi plug-in ed elettrici sul mercato automobilistico.
  • 2020 con la BMW iX3, BMW lancia il suo primo Sports Activity Vehicle completamente elettrico.
Ponte di pietra/BMW/Concept i4/oro/di traverso laterale da davanti/strada extraurbana

GUARDARE AL FUTURO È VERAMENTE ENTUSIASMANTE.

Entro il 2023 BMW ha previsto il lancio sul mercato di 25 nuovi modelli elettrificati, di cui oltre la metà completamente elettrici. Al riguardo, ogni modello BMW elettrificato dovrà dimostrare che la somma delle emissioni di CO2 nell’acquisto delle materie prime, nella catena di approvvigionamento, nel montaggio, nell’utilizzo e nel riciclo sia sostanzialmente più rispettosa dell’ambiente di quella dei modelli con propulsione tradizionale.

RICICLO ED ENERGIE RINNOVABILI.

Riciclo delle batterie/BMW

RICICLO DELLE BATTERIE: LA VITA DOPO IL VEICOLO ELETTRIFICATO.

Materiali riciclati

L’INNOVAZIONE VIENE DALL’USATO: RICICLO DELLE MATERIE PRIME.

Impianti eolici/da lontano/paesaggio verde

100% ENERGIE RINNOVABILI, 100% PIACERE DI GUIDARE.

Riciclo delle batterie/BMW

RICICLO DELLE BATTERIE: LA VITA DOPO IL VEICOLO ELETTRIFICATO.

La catena di creazione del valore completa e sostenibile delle celle di accumulo è per BMW uno degli aspetti più importanti in vista dell’ampliamento della flotta elettrica. L’obiettivo è un ciclo di vita chiuso per le celle di accumulo: dalla chimica e dallo sviluppo delle celle fino alla produzione e al riciclo. Il tutto inizia con un progetto di celle riciclabili e prosegue con un processo di produzione che utilizza principalmente energie rinnovabili. Il prossimo passo è l’utilizzo più duraturo possibile come batteria di propulsione, seguito da un’altra fase di utilizzo secondario come accumulatore di energia stazionario. Al termine del suo ciclo di vita la cella viene riciclata e le materie prime vengono riutilizzate. Ovviamente, anche l’approvvigionamento delle risorse necessarie per le celle di accumulo riveste un ruolo importante. Per questo BMW acquista cobalto esclusivamente dall’Australia e dal Marocco, dove vigono i requisiti più rigorosi in materia di sostenibilità.

Materiali riciclati

L’INNOVAZIONE VIENE DALL’USATO: RICICLO DELLE MATERIE PRIME.

Con canapa, kenaf, legno di eucalipto e filati ricavati da bottiglie in PET, già da anni hanno fatto il loro ingresso nella BMW i3 diverse materie prime secondarie. Nei prossimi anni verranno utilizzati materiali riciclati anche in altri modelli. Un buon esempio sono i tappetini BMW realizzati da vecchie reti da pesca. A tale scopo è stato sviluppato uno speciale procedimento industriale che consente di produrre nylon di alta qualità. Tutte le vetture del BMW Group lanciate sul mercato dal 2008 sono fra l’altro conformi alle più severe leggi al mondo in ambito di riciclo. Nel concreto ciò significa che circa il 95% di una BMW può essere riciclato.

Impianti eolici/da lontano/paesaggio verde

100% ENERGIE RINNOVABILI, 100% PIACERE DI GUIDARE.

Già oggi l’80% dell’energia elettrica necessaria per gli stabilimenti BMW viene ricavato da fonti rinnovabili. Ne sono un esempio le pale eoliche nello stabilimento di Lipsia, i moduli solari che occupano una superficie di 70 000 metri quadrati nello stabilimento in Messico o l’impianto a biogas dello stabilimento in Sudafrica alimentato con il letame di 30 000 bovini. Da quest’anno, 23 stabilimenti BMW dislocati in tutto il mondo passeranno all’energia verde.

Anche il consumo di energia complessivo di ogni vettura è diminuito: con 2,12 megawattora a vettura, non solo ha toccato il minimo storico, ma è anche al di sotto del consumo medio di tutti i costruttori europei di automobili.

Progetto di sostenibilità/BMW

PRODUZIONE DI BATTERIE CON RESPONSABILITÀ SOCIALE.

Il cobalto è un’importante materia prima per la produzione di batterie per veicoli elettrici, è presente solo in poche regioni del mondo come sottoprodotto dell’estrazione di nichel e rame. Per BMW i diritti umani e il rispetto degli standard ambientali sono un requisito base per un’elettromobilità responsabile. Per escludere anche i rischi residui, per l’ultima generazione dei motori elettrici BMW eDrive le materie prime importanti, cobalto e litio, verranno acquistate direttamente da BMW. Il cobalto in questo caso non verrà acquistato dalla Repubblica Democratica del Congo, sempre in prima pagina per lo sfruttamento incontrollato del lavoro minorile e per i salari più bassi. BMW acquisterà di preferenza le materie prime dall’Australia e dal Marocco ponendo delle chiare condizioni per l’estrazione.Il cobalto è un’importante materia prima per la produzione di batterie per veicoli elettrici, è presente solo in poche regioni del mondo come sottoprodotto dell’estrazione di nichel e rame. Per BMW i diritti umani e il rispetto degli standard ambientali sono un requisito base per un’elettromobilità responsabile. Per escludere anche i rischi residui, per l’ultima generazione dei motori elettrici BMW eDrive le materie prime importanti, cobalto e litio, verranno acquistate direttamente da BMW. Il cobalto in questo caso non verrà acquistato dalla Repubblica Democratica del Congo, sempre in prima pagina per lo sfruttamento incontrollato del lavoro minorile e per i salari più bassi. BMW acquisterà di preferenza le materie prime dall’Australia e dal Marocco ponendo delle chiare condizioni per l’estrazione.